ANTICHE ORME

Oltre ai belli e suggestivi sentieri che possiamo percorrere sui crinali dell'Alta Valle di Tagliole nel comune di Pievepelago, esiste un percorso particolare, il sentiero natura "Le antiche orme". Questo sentiero è nato da un'idea dell'associazione per l'escursionismo e per l'ambiente "Montagna Nuova" e delle Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Modena. Interamente finanziato dal Parco del Frignano, è stato reso percorribile nel 1992. Il nome dato al sentiero vuole rappresentare come in tempi antichi, questo servisse all'uomo e fosse usato per spostarsi da una borgata all'altra della vallata. Poi, col passare del tempo e col progresso, l'uomo ha abbandonato queste vie percorribili solamente a piedi, per usare le strade transitabili con mezzi più comodi. Perciò, le orme che prima erano umane, pian piano sono diventate quelle degli animali che ora sono i soli e indisturbati escursionisti di questi antichi percorsi. Questo sentiero è percorribile da tutti, ma è dedicato in maniera particolare a gruppi scolastici che intendono approfondire varie tematiche riguardanti l'ambiente, già trattate eventualmente in aula. Per questo motivo lungo il sentiero natura sono stati posti dei cartelli informativo - scientifici indicanti i vari tipi di vegetazione, le diverse realtà botaniche, la flora protetta, gli alberi secolari e le fasce vegetazionali che vanno dal castagneto alla faggeta, dagli abeti - faggeta alle pinete messe a dimora dall'uomo in tempi recenti. Questo itinerario, non è ricco solamente dal punto di vista scientifico; anche la storia delle varie borgate che si incontrano percorrendolo è interessante ed a volte suggestiva. L'origine del nome di "Casa Bottega" per citarne una, è data dall'antica presenza in loco di modenese una bottega di falegnami che lavoravano con molta serietà e bravura. Sembra proprio sia stata questa la causa principale dell'invasione dei Lucchesi avvenuta intorno al 1613,1 quali incendiarono la borgata intera e distrussero la bottega considerata una pericolosa rivale nella lavorazione del legno. Lungo il percorso possiamo osservare le testimonianze del mestiere del carbonaio venivano infatti da questa zona i carbonai più esperti. Proprio per tramandare questo antico mestiere alle nuove generazioni, viene ricostruita, con la collaborazione delle scolaresche che ne fanno richiesta, una carbonari lungo li percorso, facendo così rivivere ai ragazzi di oggi, un momento di vita del passato. Tutto li sentiero è ben segnalato e comincia proprio all'inizio del paese di Tagliole dove un cartello indica l'intero percorso e tutto ciò che si può trovare lungo il percorso. Vi invito a percorrerlo in silenzio, facendo attenzione a tutto ciò che vi circonda, approfondendo quegli aspetti che maggiormente hanno stimolato la vostra curiosità e rispettando l'ambiente nel suo insieme, ricordando che qui la natura è protetta.

FLAVIA LANDI.

 

EDUCAZIONE AMBIENTALE

HOME PAGE


© GEV Modena 1996 2006 - Il materiale pubblicato nel sito appartiene al Corpo Guardie Ecologiche Volontarie della Provincia di Modena. Si declina ogni responsabilità sull'utilizzo di quanto pubblicato. Se ne consente la riproduzione non a scopo commerciale citandone la fonte. Ultima modifica 24 dicembre 2007.